Sfoglia il Glossario


.NET

Framework di Microsoft per servizi web e componenti software introdotto nel 2000 e pronunciato “dot-net”. .NET è l'approccio di Microsoft a un ambiente di sviluppo e runtime completi simile a J2EE. .NET supporta tutte le caratteristiche e funzionalità basate sul web, compresi XML e i protocolli di servizi web come SOAP e UDDI. Le applicazioni .NET sono eseguite sia su reti Intranet che su siti Internet pubblici, quindi .NET è un'architettura software onnicomprensiva orientata al web per uso interno ed esterno. Le versioni successive dei prodotti Microsoft (browser, applicazioni, Windows) sono state migliorate in modo da supportare .NET.

Attività

I processi possono essere suddivisi in unità o sottoprocessi sempre più piccoli. Con "attività" indichiamo il sottoprocesso più piccolo che un dato team di processo aziendale decide di illustrare nei propri diagrammi (viceversa, potremmo dire che un processo è costituito da una o più attività). Le attività possono essere costituite da un solo passaggio, come l'approvazione di una richiesta di acquisto o il posizionamento di un tappo su una bottiglia nella linea di produzione, o da più passaggi, come la compilazione di un modulo o l'assemblaggio di una sedia. A seconda dei metodi, termini come "incarico" e "fase" non vengono usati in maniera univoca, mentre si tende sempre più a indicare l'unità più piccola di analisi con "attività". Un'attività può essere eseguita da uno o più dipendenti, da un sistema software o da una combinazione di entrambi. Nella notazione UML, i processi e le attività vengono rappresentati con rettangoli dagli angoli arrotondati (vedi la gerarchia dei processi aziendali). A volte viene indicato se si tratta di attività manuali (rettangolo con contorno normale), sistemi (rettangolo con contorno spesso) o attività miste comprendenti sia attività manuali che sistemi (rettangolo con linea tratteggiata).

Prospetto costi attività

Una griglia o matrice utilizzabile per analizzare i costi di un insieme di attività. Le attività sono elencate sull'asse verticale e per ciascuna sono riportati i dati relativi a output, costi, tempistiche e problemi.

Sistemi di flusso di lavoro personalizzati

Sistemi di flusso di lavoro che attendono le indicazioni degli utenti sui passaggi da eseguire. Per esempio, un sistema assicurativo potrebbe recuperare i documenti necessari a un assicuratore solo su richiesta. Confrontalo con i sistemi di flusso di lavoro amministrativi e di transazione o produzione.

Sistemi di flusso di lavoro amministrativi

Sistemi di flusso di lavoro che tengono traccia delle attività degli utenti e assegnano nuove attività in base a un insieme di regole. Confrontalo con i sistemi di flusso di lavoro personalizzati e di transazione o produzione.

API

Un'API (o interfaccia di programmazione di un'applicazione) è un insieme delle definizioni di come un componente software comunica con un altro. È una modalità di astrazione che solitamente (anche se non necessariamente) si colloca tra un livello di software basso e alto. Le API sono implementate mediante la scrittura di chiamate di funzione nel programma, il quale fornisce il collegamento alla subroutine necessaria per l'esecuzione. Pertanto, un'API presume la presenza sul computer di moduli di programma per eseguire l'operazione o che lo stesso venga collegato al programma esistente per eseguire le attività.

Processo asincrono

In un processo asincrono, un'attività invia un messaggio a un'altra senza attenderne la risposta prima di procedere. Una telefonata è un processo sincrono, in quanto non può proseguire se la persona con cui si vuole parlare non risponde al telefono. Lasciando un messaggio sulla segreteria telefonica, il processo diventa asincrono: l'utente lascia il messaggio e va avanti con le proprie attività, ipotizzando che l'altro risponderà non appena lo avrà ascoltato.

Balanced Scorecard

Un movimento, un metodo e una tecnica per allineare le misure per il raggiungimento degli obiettivi strategici di un'organizzazione a misure di processo specifiche, che monitora diversi aspetti per restituire una panoramica completa della situazione. Un approccio complementare a quello che vi consigliamo, solitamente associato a Robert Kaplan e David Norton.

Elaborazione in blocco

Un passaggio comune ai processi umani come a quelli informatici, in cui si riuniscono molti elementi per elaborarli in una sola volta. Si differenza dell'elaborazione continua, nella quale i diversi elementi vengono elaborati il prima possibile.

Benchmark

Nella riprogettazione dei processi aziendali, si riferisce ai dati relativi alla misurazione di specifici tipi di processi. Molte aziende cercano dati di riferimento relativi ai processi che desiderano riprogettare per osservare come se la cava la concorrenza.

Software BPM

Il BPM è un software che automatizza, esegue e monitora processi aziendali dall'inizio alla fine, mettendo in contatto le persone con le persone, le applicazioni con le applicazioni e le persone con le applicazioni.

BPM System

Gartner, Inc. definisce il BPM come “una pratica di gestione che consente di amministrare un ambiente di processo aziendale al fine di migliorare l'agilità e la performance operativa”. Questa visione più olistica offre un approccio strutturato per l'ottimizzazione dei processi e tiene conto degli strumenti software discussi in precedenza, nonché dei metodi, dei criteri, delle metriche e delle procedure di gestione aziendali.

Business Analytics

Informazioni aggregate sui processi aziendali che consentono ai manager di analizzare le tendenze dei processi, visualizzare le metriche sul rendimento e rispondere ai cambiamenti interni all'azienda.

Business Intelligence (BI)

Strumenti e sistemi software che cercano di estrarre modelli o conclusioni utili a partire da pile di dati.

Processo aziendale

At its most generic, any set of activities performed by a business that is initiated by an event, transforms information, materials or business commitments, and produces an output. Value chains and large-scale business processes produce outputs that are valued by customers. Other processes generate outputs that are valued by other processes.

Automazione dei processi aziendali

Si riferisce all'uso di sistemi informatici e software per automatizzare un processo. I processi possono essere completamente automatizzati, quando non è richiesto alcun intervento umano, o semi-automatizzati, quando è richiesto un intervento per prendere decisioni o gestire le eccezioni. Le tecniche utilizzate per l'automazione dei processi aziendali comprendono flusso di lavoro, linguaggi BP-XML, ERP e sviluppo di software e EAI.

Progettazione o riprogettazione dei processi aziendali

La riprogettazione dei processi aziendali è incentrata sull'effettuare modifiche sostanziali a un processo esistente o sul crearne uno nuovo. A seconda delle dimensioni del processo, può trattarsi di un intervento drastico eseguito sporadicamente al quale, una volta realizzato, dovrebbe seguire un miglioramento costante dei processi aziendali. Rispetto al BPR come definito nei primi anni Novanta, la riprogettazione dei processi aziendali di solito si focalizza su processi in scala ridotta e mira a ottenere miglioramenti contenuti. La riprogettazione riguarda i miglioramenti sostanziali di processi esistenti, mentre la progettazione è la creazione di processi del tutto nuovi.

Linguaggio di esecuzione dei processi aziendali per servizi web (BPEL, BPEL4WS)

La prima bozza del presente glossario conteneva la descrizione di due linguaggi XML di processo aziendale alternativi: WSFL di IBM e XLANG di Microsoft. Alla data di pubblicazione del glossario, IBM, Microsoft e BEA hanno annunciato di voler unire WSFL e XLANG per creare un linguaggio XML di processo aziendale comune che supporterà sia il linguaggio pubblico (protocollo) che quello privato (esecuzione).

Miglioramento dei processi aziendali (BPI)

Il miglioramento dei processi aziendali è incentrato sul miglioramento incrementale dei processi esistenti. Esistono molti approcci, tra cui il popolare Six Sigma. Il BPI viene usato in modo estremamente circoscritto e ripetuto più volte nel corso di ciascun processo.

Business Process Management (BPM)

Si riferisce all'allineamento dei processi agli obiettivi di un'organizzazione, la progettazione e implementazione delle relative architetture, l'istituzione di sistemi di misurazione in linea con gli obiettivi aziendali e la formazione e l'organizzazione dei responsabili, al fine di consentire loro di gestire i processi in maniera efficace. Il Business Process Management, o BPM, può indicare anche varie attività di automazione, dai sistemi per i flussi di lavoro ai linguaggi XML per procedure aziendali, ai sistemi ERP preconfezionati. In questo caso, il BPM enfatizza la capacità dell'applicazione software di controllare il flusso dei processi, misurandoli automaticamente, e M può indicare anche varie attività di automazione, dai sistemi per i flussi di lavoro ai linguaggi XML per procedure aziendali, ai sistemi ERP preconfezionati. In questo caso, il BPM enfatizza la capacità dell'applicazione software di controllare il flusso dei processi, misurandoli automaticamente, e M può indicare anche varie attività di automazione, dai sistemi per i flussi di lavoro ai linguaggi XML per procedure aziendali, ai sistemi ERP preconfezionati. In questo caso, il BPM enfatizza la capacità dell'applicazione software di controllare il flusso dei processi, misurandoli automaticamente, ed ems che si allineano agli obiettivi di un'organizzazione, e consente di istruire e organizzare i responsabili in modo tale che gestiscano i processi in maniera efficace. Il Business Process Management, o BPM, può indicare anche varie attività di automazione, dai sistemi per i flussi di lavoro ai linguaggi XML per procedure aziendali, ai sistemi ERP preconfezionati. In questo caso, il BPM enfatizza la capacità dell'applicazione software di controllare il flusso dei processi, misurandoli automaticamente, e di effettuare modifiche al flusso dei processi dal terminale di un computer.

Piattaforma di Business Process Management (BPM)

Un approccio più completo al BPM che fornisce tutte le funzionalità di gestione dei processi dei software BPM, oltre a gestione delle conoscenze, gestione della documentazione, strumenti di collaborazione, analisi aziendale e un portale di lavoro.

Soluzione di Business Process Management (BPM)

Soluzione che automatizza, esegue e monitora processi aziendali dall'inizio alla fine, mettendo in contatto le persone con le persone, le applicazioni con le applicazioni e le persone con le applicazioni.

Fornitori di Business Process Management (BPM)

Fornitori che progettano, sviluppano e/o vendono software e soluzioni per la gestione dei processi aziendali.

Iniziativa di Business Process Management (BPMI)

Consorzio di fornitori di strumenti per la modellazione dei processi aziendali e gruppi di utenti che lavorano insieme allo sviluppo di un linguaggio per procedure aziendali basato su XML (BPMI), una notazione per il linguaggio (BPMN) e un linguaggio di query (BPQL). L'idea è che le aziende modellino i propri processi automatizzati all'interno della BPMI e quindi siano in grado di monitorarli e modificarli in base alle loro esigenze. Il BPML verrà utilizzato principalmente da coloro che desiderano creare sistemi Internet o servizi web collaborativi.

Software di Business Process Management (BPMS)

Software applicativo aziendale che consente a un'organizzazione di semplificare i processi e ottenere l'efficienza organizzativa attraverso la modellazione, l'esecuzione e l'analisi dei processi aziendali.

Strumento di modellazione dei processi aziendali

Software che consente a manager o analisti illustrare i processi aziendali tramite diagrammi. Gli strumenti più semplici supportano esclusivamente la realizzazione dei diagrammi. Gli strumenti professionali per la modellazione dei processi, invece, salvano ogni elemento del modello in un database, in modo da poterlo aggiornare o riutilizzare per la realizzazione di altri diagrammi. Molti strumenti professionali supportano anche la simulazione o la generazione di codice.

Outsourcing dei processi aziendali

Molte aziende esternalizzano la gestione e l'esecuzione dei processi aziendali ad altre aziende. Poche, però, lo fanno anche con i processi aziendali che sono alla base della loro posizione unica sul mercato, poiché temono che l'appaltatore non sarà in grado di migliorare il processo con la rapidità necessaria per rispondere ai cambiamenti del mercato. Oggi alcune aziende propongono di esternalizzare tali processi, sostenendo di avere un approccio che permetterà ai proprietari di apportare modifiche ai loro processi ove necessario.

Riprogettazione dei processi aziendali (BPR)

Un concetto illustrato da Hammer e Davenport nei primi anni Novanta. La definizione contenuta nei loro libri enfatizzava la totale riconcettualizzazione dei processi aziendali principali da zero, utilizzando la tecnologia informatica per ottenere miglioramenti rivoluzionari nelle prestazioni. L'idea è poi diventata impopolare alla fine degli anni Novanta, tanto che molti imprenditori associano il BPR al fallimento. Coloro che lo usano ancora lo associano invece alla nostra definizione di riprogettazione dei processi aziendali.

Regole Aziendali

A statement describing a business policy or decision procedure. Some programming languages run business rules together into very complex algorithms. In business process analysis, each rule is usually stated independently, in the general format: If A and B, Then C. Workflow tools and detailed process diagrams both depend on business rules to specify how decisions are made. We generally associate business rules with activities. A decision diamond is adequate to show what happens if a loan is accepted or rejected, but dozens or even hundreds of business rules may need to be defined to clarify what a loan should be accepted or rejected. Training programs, job aids, software systems and knowledge management systems aim to document business rules either to automate the decision process or to and make the rules available to other decision makers.

BPM Collaborativo

BPM created using a collaborative business process language (usually ebXML). It is particularly suitable to describe the collaborations between partners that are all considered at the same level.

Collaborative Tools

Tools like discussion forums, dynamic workspaces, and message boards that are provided within the BPM platform framework and are designed to remove intra- and inter-departmental communication barriers.

Composite Process Application

An enterprise application that is developed and deployed using a BPM platform to solve a particular business problem, such as complying with regulatory standards or managing a company’s assets. By integrating existing applications, pulling relevant data, and connecting appropriate people, it overcomes the limitations of traditional enterprise applications, offering more flexibility and scalability as well as better collaboration and integration.

Computer Aided Software Engineering (CASE)

Software methods and tools designed to generate code from models. Those involved in the CASE movement have always sought to make software generation more systematic and predictable. Software developers often use CASE tools to model business processes.

Miglioramento Continuo dei Processi

A strategy to find ways to improve process and product performance measures on an ongoing basis.

Core Business Process

Core processes are the processes that rely on the unique knowledge and skills of the owner and that contribute to the owner’s competitive advantage. Contrast with subsidiary business processes.

COULD Process

Also sometimes Can-Be Process. Description of one of two or more alternative redesigns that are being considered.

Customer Resource Management (CRM)

A vague term describing any of a number of packaged or tailored applications or tools designed to help with sales, tracking customers, or managing information gained from customer interactions.

Dashboard

A user interface that resembles the dashboard of an automobile. Dashboards contain small graphs, charts, and gauges that provide data on key information within an organization.

Data Warehouse

A record of an enterprise’s past transactional and operational information, stored in a database. Data warehousing is not meant for current “live” data; rather, data from the production databases are copied to the data warehouse so that queries can be performed without disturbing the performance or the stability of the production systems.

Database

A collection of records stored in a computer in a systematic way, such that a computer program called a database management system (DBMS) can consult it to answer questions. DBMSs can manage many forms of data, including text, images, sound, and video. For better retrieval and sorting, each record is usually organized as a set of data elements. The items retrieved in answer to queries become information that can be used to make decisions that might otherwise be more difficult or impossible to make.

Decision Point or Diamond

A diamond or hexagonal figure used on process diagrams to show when a decision leads to a branching in the flow of information, control or materials. Technically, all decisions take place within activities and arrows only show the flow between activities. As a convenience, however, if the decisions lead to branching, we often represent them on the process diagram and label them to indicate why a flow would go to one subsequent activity rather than another.

DMAIC (Define, Measure, Analyze, Improve, Control)

An acronym used by Six Sigma practitioners to remind them of the steps in a Six Sigma improvement project.

Gestione della documentazione

A system for storing and securing electronic documents, images, and other files within an organization. The term used to imply the management of documents after they were scanned into the computer. Today, the term has become an umbrella under which document imaging, workflow, text retrieval and multimedia fall.

ebXML (electronic business XML)

A consortium set up by two other organizations, a United Nations (UN/CEFACT) committee and OASIS, an Internet consortium. ebXML is charged with creating an XML architecture that standardizes all of the services companies will need to build Web Services. One sub-committee of ebXML is focused on business process communication, and has proposed BPSS.

Electronic Data Interchange (EDI)

A pre-Internet system for exchanging data between organizations. EDI requires that organizations standardize terms and invest heavily in computers and the maintenance of the EDI software. Although some companies use EDI systems and will only phase them out slowly, EDI is being replaced by less expensive Internet systems and protocols like XML.

Enterprise Application

As used by software designers, an enterprise system is a major software application that is designed to be used or accessed by many different departments and is usually maintained at the corporate level. Payroll is a good example of an enterprise system.

Enterprise Application Integration (EAI)

As companies seek to link their existing software applications with each other and with portals, the ability to get their applications to exchange data has become critical. EAI is usually close to the top of any CIO’s list of concerns. There are different approaches to EAI. Some rely on linking specific applications with tailored code, but most rely on generic solutions, typically called middleware. XML, combined with SOAP and UDDI is a kind of middleware.

ERP-Driven Design

When a company elects to use an ERP application, it is getting an application that already makes assumptions about the inputs and outputs it will receive. To insert such an application into an existing business process, the company must first determine where it will fit and what it will replace and redo the existing process so that it interfaces with the new ERP application. In effect, this is the reverse of what happens when a company redesigns a process and then asks an IT group to create an application that will take inputs generated by the process and make designated outputs.

Exceptions Processing

The act of adjusting and repairing transactions that were unable to be completed. Without automation, organizations find that exceptions processing is one of the more costly and time-consuming efforts within their business.

Gaps and Disconnects Patterns

A process redesign pattern that focuses on checking the handoffs between departments and functional groups in order to assure that flows across departmental lines are smooth and effective.

IS process diagram

Also commonly AS-IS process diagram. A description or diagram of an existing process before changes are made.

ISO 9000 (International Standards Organization)

An international standard for how organizations should document their processes. In effect, an early effort to encourage organizations to create a well-defined process architecture. In practice, its too often simply an exercise in creating documentation to satisfy a requirement for getting on a bidding list.

J2EE (Java 2 Platform, Enterprise Edition)

A software programming platform from Sun for developing and running distributed enterprise applications, based largely on modular components running on an application server. J2EE comprises a specification, reference implementation, and a set of testing platforms. J2EE is also considered informally to be a language or standard because providers must agree to certain conformance requirements in order to declare their products at J2EE compliant.

Junction, Junction Bar

On a process diagram a way of showing that one flow (output) is divided and sent into multiple activities, or to show that multiple flows must all be complete before the activity immediately after the bar can occur.

KANO Analysis

Un approccio alla definizione della soddisfazione del cliente che suddivide i prodotti e le caratteristiche di soluzioni e servizi in tre gruppi: (1) necessità di base (il minimo che un cliente si aspetta), (2) prodotti soddisfacenti (soluzioni o funzionalità aggiuntive apprezzate dai clienti) e (3) prodotti sorprendenti (soluzioni o funzionalità che il cliente non si aspettava e che lo sorprendono positivamente). Questo approccio è stato sviluppato da Noriaki Kano, esperto giapponese del controllo qualità.

KPI o Indicatori chiave di prestazione

Metriche sul rendimento e valori di riferimento personalizzati che favoriscono il successo economico e operativo dell'azienda.

Knowledge Management (KM)

Componente del BPM che consente agli utenti di condividere attività, contenuti, documenti e notifiche con la community dei lavoratori della conoscenza.

Produzione snella

Un approccio alla progettazione e alla gestione dei processi produttivi che punta a migliorarne l'efficienza basandosi su criteri quali l'inventario minimo e la consegna "appena in tempo".

Gerarchia delle misure

Una struttura gerarchica che mostra la ramificazione delle misure organizzative (rappresentate in alto o sulla sinistra) in provvedimenti più specifici da adottare per catene del valore, processi, sottoprocessi e, in ultima analisi, gli obiettivi dell'attività. Per ogni obiettivo sono previste misure specifiche tramite cui valutare se è stato raggiunto o meno. Pertanto, la gerarchia delle misure rispecchia quella degli obiettivi.

Middleware

Software che permette a due moduli o applicazioni di scambiarsi dati. Vedere anche Enterprise Application Integration (EAI).

Modello

Un insieme formale di relazioni che può essere utilizzato per testare ipotesi. Un esempio di modello è una simulazione che verifica il numero di unità che possono essere elaborate ogni ora in una determinata serie di condizioni. I modelli non devono per forza essere visivi.

Architettura guidata dal modello (MDA)

Un nuovo approccio allo sviluppo applicativo promosso dall'Object Management Group e che si fonda, in pratica, sull'idea che le organizzazioni dovrebbero creare diagrammi di classe astratti delle proprie applicazioni da utilizzare per sviluppare codici software e modelli specifici. Il principio alla base dell'MDA è che è possibile sfruttare lo stesso modello astratto per generare diversi tipi di codice. Pertanto, piuttosto che creare nuove applicazioni in risposta alle nuove tecnologie, un'azienda potrebbe avere un'architettura di alto livello e componenti riutilizzabili da impiegare più e più volte per molti anni. Nonostante sia ancora nelle prime fasi di sviluppo, questo approccio è già piuttosto popolare. Da confrontare con lo Sviluppo del software assistito dal computer (Computer Aided Software Engineering, CASE).

Realizzazione di modelli

In senso lato, creare un modello significa semplicemente realizzare una rappresentazione semplificata di qualcosa. Un modello può essere un'immagine, un grafico o una formula matematica. Nell'ambito della modellazione dei processi aziendali, questo termine si riferisce alla rappresentazione schematica dello svolgimento di un lavoro. In senso stretto, un modello deve specificare relazioni formali e ipotesi testabili.

Nodi

All'interno di un modellatore di processi, i nodi rappresentano attività o pacchetti di funzionalità che, una volta collegati, costituiscono un intero processo. Se l'attività è affidata a una persona, i nodi vengono definiti assistiti, mentre sono non assistiti laddove il compito viene svolto da un sistema informatico.

Paradigma Object-oriented

Si tratta di un approccio alla strutturazione delle applicazioni software che, anziché considerare un'applicazione come un processo suddiviso in fasi, la paragona a un insieme di oggetti che si scambiano messaggi. Al momento è l'approccio dominante allo sviluppo di software. Java e Visual Basic, ad esempio, sono linguaggi di sviluppo di software object-oriented.

APPLICAZIONI IMPACCHETTATE

In generale, qualsiasi applicazione software preconfezionata. Normalmente questa espressione viene utilizzata in relazione ai fornitori che vendono piattaforme applicative ERP o CRM sviluppate per integrare tutte le principali applicazioni software di un'azienda. Installando una serie di applicazioni predefinite, un'organizzazione può garantire che le principali applicazioni dei processi aziendali nel settore finanziario, contabile, delle risorse umane e della produzione comunichino in modo fluido e memorizzino i dati in un database comune.

Processo parallelo

Un processo in cui due o più sequenze di un'attività si svolgono in simultanea. Un esempio di processo a sequenza singola è il passaggio di un documento fisico da una persona a un'altra. Un documento elettronico in un sistema a flussi di lavoro, invece, può essere inviato a più persone contemporaneamente.

Portal

Un sito web che permette a un utente di trovare altre pagine o siti web. Volendo generalizzare, un portale è come una stazione dei treni, in cui un viaggiatore si reca per scoprire in quali altri luoghi può arrivare e quindi raggiungerli. Gran parte delle aziende gestisce un portale per i propri dipendenti da cui è possibile ottenere dati e accedere ai servizi aziendali, ma anche un portale pubblico per fornire ai clienti le informazioni che cercano e la possibilità di acquistare dall'azienda prodotti e servizi.

Process

La serie di attività e operazioni che un'organizzazione conduce regolarmente per raggiungere un obiettivo. Possono essere semplici (es. evasione degli ordini) o complesse (es. sviluppo di nuovi prodotti), occasionali (es. inserimento di nuovi dipendenti) o a lungo termine (es. osservanza della compliance normativa), specifiche di una funzione (es. gestione dell'offerta) o del settore (es. approvvigionamento di energia). Possono essere pertinenti a un unico reparto (es. fatturazione), a tutta l'impresa (es. strategic sourcing) o all'intera catena del valore (es. gestione della catena di distribuzione).

Process Analytics

Dati relativi ad attività o eventi specifici di un processo aziendale. Queste informazioni possono essere utilizzate per risolvere i colli di bottiglia, gestire le eccezioni e ottimizzare i processi aziendali.

Architettura dei processi

Anche detta architettura dei processi aziendali. Con architettura dei processi si intende un riepilogo scritto o schematico delle catene di valore e dei processi aziendali supportati da una determinata organizzazione. Una buona architettura dei processi mostra in che modo le catene del valore e i processi aziendali sono collegati tra loro e agli obiettivi strategici dell'organizzazione. Alcune aziende usano questo termine per riferirsi al diagramma relativo a un singolo processo, che noi definiamo "modello di processo" o "diagramma di processo". Spesso aggiungiamo il termine "aziendale" all'espressione "architettura dei processi" per suggerire che si tratta di un'architettura di alto livello che comprende tutti i processi di un'organizzazione.

Process Designer

Componente del BPM che permette a un utente appositamente formato di analizzare e modellare un processo, passo dopo passo, nonché di assegnargli una logica.

Diagramma di processo

Un diagramma che mostra il flusso di informazioni, controlli o materiali da un'attività all'altra. Il diagramma mostra i reparti, i ruoli o gli individui sull'asse verticale e usa le corsie per evidenziare i sottoprocessi o le attività gestiti da ciascun attore. Il cliente a cui è orientato il processo compare sempre sulla corsia in alto, mentre i processi esterni vengono presentati sotto al processo principale. In genere, sull'asse orizzontale viene raffigurato lo scorrere del tempo da sinistra a destra, anche se i diagrammi di processo informali a volte prevedono cicli che non rispettano il flusso temporale standard. I rettangoli con gli angoli arrotondati rappresentano sottoprocessi o attività, mentre le frecce indicano vari tipi di flussi tra i rettangoli. Alcuni sviluppatori dividono i diagrammi di processo in diagrammi "IS", che mostrano un processo così come viene eseguito nel presente, diagrammi "COULD", che evidenziano in che modo il processo potrebbe essere variato, e diagrammi "SHOULD", che indicano le modifiche al processo suggerite da un team di riprogettazione.

Motore di esecuzione dei processi

Componente del BPM che esegue l'effettivo flusso di un processo per cui è stato realizzato un modello e assegna attività manuali agli utenti e compiti automatizzati alle applicazioni man mano che tale processo si sviluppa.

Istanza di processo

Un diagramma di processo delinea una sequenza generica di eventi, mentre un'istanza descrive un processo effettivo con tanto di dati, azioni reali e decisioni specifiche. I sistemi a flusso di lavoro e di simulazione tengono traccia dei dati relativi all'esecuzione di specifiche istanze di processo per determinare, ad esempio, il tempo effettivamente necessario per realizzarlo, chi ha gestito un'istanza specifica o quanto costa. Nel caso di sistemi di simulazione, è necessario che un utente fornisca i dati su una serie di istanze reali.

Process Management

La maggior parte dei dirigenti o supervisori è a capo di processi o attività specifiche e ha la responsabilità di organizzarli e di garantire le risorse necessarie alla loro esecuzione, nonché di misurare le performance delle attività e fornire, ove necessario, premi o feedback correttivi. Inoltre, spetta a loro apportare modifiche o migliorie alle attività, quando possibile.

Misure di processo o Indicatori di output

Misure che indicano se un processo o un'attività sta raggiungendo i suoi obiettivi. Ad ogni livello, i processi prevedono degli output che dovrebbero essere utilizzati per garantire il corretto funzionamento del processo. In un'organizzazione ideale, gli obiettivi e le misure aziendali dovrebbero essere associati alle catene del valore e quindi suddivisi in modo tale che, ad ogni livello, i manager possano misurare i risultati del processo legati agli obiettivi finali e alle misure dell'azienda. Se l'allineamento verticale viene ignorato, è possibile che le attività o i processi vengano misurati in modi che non contribuiscono alla riuscita complessiva del processo più ampio o al successo dell'azienda.

Process Modeling

Creazione di una rappresentazione schematica del modo in cui uno specifico processo viene portato a termine.

Rules Engine

Componente del BPM che gestisce il flusso di informazioni e attività all'interno di un processo secondo le formule e le regole assegnategli.

Metodologia di Rummler-Brache

Nel loro libro "Improving Processes" del 1990, Geary Rummler e Alan Brache hanno delineato un approccio globale alla strutturazione delle aziende sulla base di procedure, processi di gestione, misurazione e ridefinizione. Si tratta probabilmente del più noto approccio sistematico alla modifica dei processi aziendali e le idee introdotte per la prima volta in questo libro hanno avuto una notevole influenza su altri approcci meno completi.

BPM SaaS

Software di Business Process Management offerto in modalità SaaS, ovvero come servizio. Per maggiori dettagli, vedere Software-as-a-Service (SaaS).

Scorecard

Applicazioni analitiche interfunzionali che definiscono, misurano e analizzano una strategia di business secondo gli indicatori chiave di prestazione o KPI. Le scorecard aggregano i KPI in iniziative e obiettivi di livello superiore. Ogni KPI di una scorecard viene valutato in modo da stabilirne l'impatto sull'obiettivo superiore. La scorecard più famosa è la “balanced scorecard”, la scheda di valutazione bilanciata di Kaplan-Norton, che misura le attività di un'azienda in termini di visione e strategie e offre ai manager una panoramica completa dell'andamento dell'organizzazione.

Processo SHOULD

Anche noto come processo TO-BE. Si tratta della descrizione o diagramma di un processo che riflette la proposta di un team addetto alla riprogettazione.

Mentalità a silos

Si tratta di un approccio che prende spunto dai grandi silos di grano presenti in tutto il Midwest degli Stati Uniti. È un'espressione dispregiativa che suggerisce che ogni reparto di un organigramma è a sé stante e non interagisce con nessuno degli altri reparti.

Simple Object Access Protocol (SOAP)

Un protocollo internet utilizzato per spostare i file XML in tutta la rete.

Simulazione

Tecnica che sfrutta un modello per elaborare previsioni su un sistema o processo. Esistono diversi tipi di simulazione, alcune più informali e altre più formali. In genere gli strumenti per la simulazione dei processi assegnano valori alle attività, per poi affidare un certo numero di casi al sistema in modo da scoprire come risponderà. Spesso i risultati emersi dalla simulazione di processi complessi non sono prevedibili dagli sviluppatori.

SIPOC (Supplier, Input, Process, Output, Customer)

Un acronimo che sta per Fornitori, Input, Processi, Output e Clienti, utilizzato dai professionisti del Six Sigma per ricordare come impostare una panoramica di alto livello di un processo.

Six Sigma (o Sei Sigma)

Movimento, metodo e serie di tecniche incentrate sul miglioramento dei processi aziendali, che misura il successo basandosi fortemente sulle tecniche statistiche. Esistono diversi metodi Six Sigma, alcuni pensati per il miglioramento dei processi e altri per la progettazione o la riprogettazione dei processi aziendali. La maggior parte dei testi su questo approccio, però, si concentra sul perfezionamento incrementale dei processi. Viene spesso associato a Mikel Harry e Motorola.

Software Engineering

Movimento, metodo e tecniche per rendere più sistematico lo sviluppo dei software. Le metodologie software, come l'UML di OMG, e gli strumenti software che aiutano gli sviluppatori a strutturare i progetti applicativi e quindi a generare codice sono tutti strettamente correlati all'ingegneria del software.

Requisiti software

Una dichiarazione più o meno formale di ciò che un'applicazione software dovrebbe fare. A volte gli analisti aziendali stabiliscono i requisiti e li presentano agli sviluppatori di software. In altri casi, gli analisti interpellano gli uomini d'affari per scoprire a quali requisiti dovrebbe rispondere un'iniziativa per lo sviluppo di applicazioni software. Di norma, gli imprenditori forniscono una definizione dei requisiti meno formale di quanto sarebbe necessario e tendono a spiegarli tramite istruzioni scritte o diagrammi di processo. Gli sviluppatori di software sono più propensi a definire i requisiti per mezzo di diagrammi di casi d'uso o diagrammi di classe, spesso piuttosto nebulosi per gli analisti aziendali. I requisiti dei software costituiscono un'importante interfaccia tra i manager aziendali e le organizzazioni IT. Se le istruzioni date non sono chiare e precise, il sistema risultante rischia di deludere gli imprenditori che lo hanno richiesto.

Software-as-a-Service (SaaS)

Un fornitore concede in licenza ai clienti un'applicazione come servizio su richiesta, attraverso un abbonamento o un modello “pay-as-you-go”, ovvero a consumo. Il modello SaaS viene anche definito “software su richiesta”.

Deviazione standard

Una deviazione standard a sinistra o a destra della media su una curva a campana rappresenta il 34,13 % della variazione. Due deviazioni standard, una a sinistra e una a destra, costituiscono il 68,26 % della variazione. Per indicare una deviazione, viene usata la lettera dell'alfabeto greco sigma. Nelle situazioni reali, le deviazioni si determinano raccogliendo dati e identificando quali rientrano nel 68,26 % delle deviazioni e quali appartengono a una fascia più ampia. Chi adotta il Sei Sigma si affida alle tabelle per trasformare i numeri in deviazioni o sigma.

Distribuzione normale o curva a campana

Uno strumento statistico sviluppato da Carl Frederick Gauss per descrivere le variazioni rispetto a una media e che mostra come la maggior parte delle deviazioni sia di scarsa entità, mentre quelle estreme sono ridotte e poco frequenti. Da questo concetto è nato il programma Six Sigma, ma la curva effettivamente utilizzata nelle tabelle di questa metodologia è diversa da quella a campana e viene definita dalla cosiddetta deriva del processo a lungo termine.

Sottoprocessi

L'analisi di un processo avviene necessariamente su più livelli. Un diagramma di processo di alto livello mostra i processi principali, generalmente suddivisi in sottoprocessi, che vengono rappresentati in diagrammi di processo a sé stanti. Questi processi, a loro volta, possono essere suddivisi in sottoprocessi. Infatti, non c'è un limite logico al numero di sottoprocessi in cui è possibile suddividere i processi. L'analisi viene ripetuta finché il processo non viene compreso sufficientemente a fondo per poterlo migliorare o riprogettare. I sottoprocessi più piccoli che emergono dall'analisi vengono arbitrariamente chiamati attività.

Processi aziendali secondari

Processi a supporto dei processi chiave o utilizzati per la realizzazione di prodotti o servizi aziendali meno importanti. Nella maggior parte delle aziende, i processi IT e HR sono classificati come processi secondari perché hanno lo scopo di fornire servizi di supporto ai processi chiave.

Diagramma del sovrasistema

Diagramma di un'organizzazione in cui l'azienda viene rappresentata come un riquadro vuoto da cui si diramano elementi quali fornitori e clienti che forniscono input e output all'azienda. In genere gli elementi esterni vengono suddivisi in quattro gruppi: i fornitori a sinistra, i clienti e gli azionisti a destra, gli aspetti governativi e ambientali sopra e i concorrenti sotto.

Applicazioni aziendali digitali orientate al fornitore

Espressione generica con cui si indicano i processi aziendali e le applicazioni Internet che sfruttano la rete per consentire alle aziende di coordinare le attività comunicando con partner commerciali o fornitori.

Supply Chain Council (SCC)

Consorzio internazionale di aziende interessate a migliorare l'organizzazione della supply chain. L'SSC organizza conferenze e gestisce pubblicazioni e programmi di formazione. Il suo obiettivo è promuovere lo SCOR, un modello sistematico per la creazione dei sistemi della supply chain.

Gestione della supply chain (SCM)

Termine vago che descrive una serie di applicazioni o strumenti preconfezionati o su misura progettati per favorire lo sviluppo o l'esecuzione di sistemi di supply chain o la gestione delle informazioni ottenute dalle interazioni presenti nella catena di distribuzione.

Corsia

In un diagramma di processo aziendale, la swimlane è una riga che indica chi è responsabile di un determinato processo o attività. I nomi delle swimlane sono indicati sul lato sinistro del diagramma di processo. Molto spesso le swimlane sono assegnate a reparti, gruppi all'interno dei reparti o singoli individui, oppure ad applicazioni, sistemi di applicazioni o database. In rari casi, possono rappresentare regioni geografiche. I processi, i sottoprocessi o le attività che rientrano in una determinata swimlane sono di responsabilità dell'entità indicata sull'asse sinistro del diagramma di processo. Alcuni strumenti del flusso di lavoro rappresentano le swimlane come colonne verticali, ruotando i diagrammi di processo di 90 gradi. La distinzione tra swimlane orizzontali o verticali è arbitraria.

Processo sincrono

In un processo sincrono, un'attività invia un messaggio a un'altra e ne attende la risposta prima di procedere. Una telefonata è un processo sincrono, in quanto non può proseguire se la persona con cui si vuole parlare non risponde al telefono. Lasciando un messaggio sulla segreteria telefonica, il processo diventa asincrono: l'utente lascia il messaggio e va avanti con le proprie attività, ipotizzando che l'altro risponderà non appena lo avrà ascoltato.

I tre livelli di un'organizzazione (Performance Framework)

Concetto formulato da Rummler-Brache secondo cui i livelli principali dell'analisi dei processi aziendali sono tre: organizzativo, di processo e di attività o di performance (che il libro Improving Performance definisce "livello di lavoro"). Presentato talvolta come una matrice, questo quadro di riferimento per la valutazione della performance mostra i 3 livelli sull'asse verticale e le prospettive o punti di vista sull'asse orizzontale: obiettivi e misure, progettazione e realizzazione, e gestione. Si tratta di un modo interessante per classificare gli aspetti di cui tenere conto nell'ambito di un approccio globale ai processi aziendali.

Qualità totale (Total Quality Management, TQM)

Movimento, disciplina aziendale e insieme di tecniche il cui obiettivo è migliorare la qualità dei processi. Spesso associato a Edwards Deming, il concetto di Qualità totale pone l'accento sull'adozione di tecniche statistiche e misure costanti per ottimizzare la qualità dei processi e mantenerla nel tempo.

Sistema di flusso di lavoro per la produzione o le transazioni

Un tipo di sistema di flusso di lavoro che sposta documenti o dati da un terminale all'altro sulla base di un modello di flusso di lavoro. Da confrontarsi con i Sistemi di flusso di lavoro ad hoc e amministrativi.

Passaggio a un nuovo processo

Il periodo di transizione comincia dopo che dirigenti e dipendenti hanno acquisito dimestichezza con il nuovo processo e hanno iniziato a usarlo. La buona riuscita della transizione dipende dal supporto dei dirigenti e dalla presenza di incentivi e sistemi di misurazione in grado di garantire che i manager locali si adoperino per verificare la corretta implementazione del processo.

Unified Modeling Language (UML)

Notazione standard internazionale per la modellazione di sistemi software. La specifica UML supporta diversi tipi di diagrammi, tra cui il Diagramma di attività, utilizzato per modellare i processi aziendali e i diagrammi di flusso di lavoro. L'UML è stato creato e viene gestito dal consorzio OMG.

Universal Description, Discovery and Integration (UDDI)

Protocollo web, basato sul linguaggio WSDL, che consente a un sistema Web di localizzarne altri e determinare il formato con cui inviare messaggi a quel sistema.

Diagramma di casi d'uso

Un tipo di diagramma UML. Spesso impiegato dagli sviluppatori di software per definire i requisiti del software per un determinato sistema. I diagrammi di casi d'uso si concentrano su scenari di utilizzo dell'applicazione da parte degli utenti.

Catena del valore

Un processo aziendale su larga scala che ha inizio da una richiesta di un cliente, o in seguito alla decisione dell'azienda di creare un nuovo ramo aziendale, e che ha come obiettivo la consegna al cliente di un processo o di un servizio. La catena del valore comprende tutto ciò che contribuisce all'ottenimento dell'output finale. Sommando tutti i costi di ogni attività di una catena di valore, e sottraendo il totale dal prezzo di vendita, un'organizzazione è in grado di determinare il margine di profitto della catena di valore. La maggior parte delle organizzazioni gestisce da 3 a 15 catene di valore. Molti manager associano le catene di valore alla descrizione riportata da Michael Porter nel suo libro Il vantaggio competitivo (1985).

Servizi web

Termine dai confini sfumati che fa riferimento ad applicazioni o processi distribuiti o virtuali che utilizzano internet per collegare tra loro attività o componenti software. Un esempio di applicazione di servizi web è un sito di viaggi che riceve una richiesta prenotazione da un cliente, invia tramite internet un messaggio all'applicazione di un hotel per determinare la disponibilità della camera, la prenota e infine comunica al cliente se la prenotazione è andata a buon fine.

Web Services Flow Language (WSFL)

Vecchio linguaggio IMB XML per i processi aziendali. Vedi BPEL4WS.

Portale di lavoro

Componente della piattaforma di BPM che fornisce agli utenti uno spazio di lavoro produttivo per la gestione di attività, contenuti, moduli, documenti, notifiche e promemoria.

Flusso di lavoro

Termine generico usato per indicare un processo o il movimento di informazioni o materiali da un'attività (luogo di lavoro) all'altra.

Modello di flusso di lavoro

Altro modo di chiamare un diagramma di processo. Spesso comprende sia un diagramma sia la regole che definiscono il flusso di informazioni da un'attività a quella successiva. Se utilizzato assieme a un sistema o motore di flusso di lavoro, indica un diagramma di processo basato su software che svolge la funzione di programma per un sistema di flusso di lavoro che sposterà informazioni da un database a diversi computer, uno dopo l'altro.

Modello di riferimento dei flussi di lavoro

Modello creato dalla Workflow Management Coalition per delineare un sistema di gestione dei flussi di lavoro e identificare le interfacce di sistema più importanti. Esistono altri standard della Workflow Management Coalition che fanno riferimento a questo modello.

Sistema o motore del flusso di lavoro

Strumento software o programma che aiuta gli analisti a definire un processo e le regole da seguire per le decisioni all'interno dello stesso. Inoltre, gestisce l'effettiva distribuzione delle informazioni legate a istanze o casi specifici verso i vari terminali o database.

XML (eXtended Markup Language)

Protocollo internet definito dal World Wide Web Consortium (W3C). Formato di file che include all'interno dello stesso file sia i dati sia le regole di interpretazione dei dati. Con XML è possibile creare linguaggi XML, ovvero insiemi di termini che le aziende concordano di utilizzare secondo determinate modalità al fine di semplificare lo scambio di dati. XML sta diventando lo strumento più comune per la trasmissione di dati tra applicazioni e aziende tramite internet.

Linguaggio XML per i processi aziendali

Linguaggio informatico con il quale è possibile descrivere i processi aziendali e le rispettive relazioni. Per trasmettere messaggi, questo tipo di linguaggio fa ricorso a XML.

Linguaggio di definizione dei processi basato su XML (XPDL)

La Workflow Management Coalition (WfMC) ha creato questo linguaggio standard per descrivere le modalità di comunicazione via internet delle informazioni riguardanti i processi aziendali tra strumenti per i flussi di lavoro.

Appian Alert

Stay Connected

Iscriviti al blog di Appian per conoscere le più recenti innovazioni per IT e aziende.